Notizie

B 750 e B 1250 la nuova gamma di centri di tornitura Biglia

B 750 e B 1250 la nuova gamma di centri di tornitura Biglia

17 novembre 2014

I nuovi centri di tornitura Biglia B750 e B1250 nascono sulla fortunata esperienza della serie B650/B658 e B1200 dei quali sono stati installati oltre 1000 esemplari in 10 anni.
Le principali differenze rispetto alla gamma precedente sono due

1) Biglia ha lavorato per aumentare la rigidità e la precisione. Ridisegnando le strutture, è stato ottimizzato il basamento incrementandone il peso e di conseguenza è stato possibile aumentate la dimensione e la spaziatura delle guide degli assi X e Z, tutte rigorosamente prismatiche. La struttura interamente in ghisa e le guide prismatiche temprate, rettificate e raschiettate, garantiscono un incremento di rigidità del 30% rispetto alla serie precedente. Oltre a evidenti benefici di asportazione e produttività, la vita dell’utensile risulta incrementata grazie a un elevata stabilità e ottimale assorbimento delle vibrazioni.

2) Una torretta portautensili con motore integrato, progettata e prodotta da Biglia. La soluzione di un motore integrato per l’azionamento degli utensili motorizzati al posto della classica trasmissione meccanica con catena cinematica, ha permesso di contenere la vibrazione degli utensili migliorando il grado di finitura e la durata degli utensili. Inoltre ha permesso di raggiungere elevate prestazioni in termini di potenza e numero di giri.

Incrementando a 16 posti utensili tutti motorizzati, il tornio diventa un vero centro di tornitura in grado di effettuare ogni genere di lavorazione con la massima flessibilità di utilizzo. La nuova torretta sviluppa 17 kW all’utensile con coppia di 56 Nm e 10.000 giri/min (velocità limitata a 6000 per via dei portautensili motorizzati): questa combinazione permette di effettuare asportazioni anche molto consistenti, sfruttando a dovere le prestazioni degli utensili più moderni e senza scendere a compromessi con i parametri di lavoro.


I modelli B750 e B1250 differiscono tra loro fondamentalmente per la corsa dell’asse Z. Il massimo diametro lavorabile per entrambe le macchine è pari a 552 mm, mentre la lunghezza tornibile tra le punte è rispettivamente di 765 mm e 1195 mm. Altra importante caratteristica è la corsa dell’asse Y che è di ben 140 mm.

Sono disponibili in svariate taglie e potenze di elettromandrino, tutti raffreddati e stabilizzati:
- ASA 6” da 65 mm di passaggio barra, capace di erogare 30 kW in S1 con una coppia di 286 Nm e 4500 giri/min
- ASA 8” con passaggio barra da 80 mm offre 22 kW, una coppia di 398 Nm e 3.500 giri/min;
- ASA 8”, ma con passaggio barra da 100 mm, la versione più potente garantisce 38 kW e 1014 Nm, capaci di spingere il mandrino fino a 3.000 giri/min.

Concludendo, i modelli B750 e B1250 offrono una gamma completa e possono essere equipaggiati con una vasta gamma di opzioni capaci di ampliarne le possibilità operative o di rispondere ancora meglio a specifiche necessità.
Entrambi i torni possono montare una contropunta o un contromandrino. Il motore del contromandrino sviluppa 30 kW, 286 Nm e 4.500 giri/min, permettendo di svolgere agevolmente tutte le operazioni di ripresa necessarie.
Inoltre, sul B1250 è possibile avere una lunetta trascinata dal carro dell’asse Z o motorizzata come asse indipendente.



Torna all’indice delle notizie